venerdì 16 dicembre 2011

Milizie?



L'articolo di ieri è stato commentato sia qui che su Agoravox da un certo Armando che sostiene che non posso citare Militia Christi tra i gruppi fascisti. Se siano o meno fascisti rimando alla risposta di Emanuela, certo sul loro sito leggo: "Tra i nostri principali nemici figurano [...] il sionismo [...] e la massoneria collegata al precedente". Ora se un messaggio come questo non ha una base "culturale" (tra virgolette perché la Cultura ha poco a che vedere con queste cose) fascista ditemelo voi. E si potrebbe andare avanti scorrendo il loro programma.
Ma poi un gruppo "cristiano" da quando in qua si identifica nell'avere un nemico?

Ma la cosa "sorprendente" è che esiste un'altra Militia Christi! Questa è un'associazione di diritto pontificale fondata niente meno che nel 1209! Hanno l'aria di essere un po' conservatori (anzi reazionari si direbbe dall'iconografia), però come è possibile che un movimento politico di estrema destra come quello romano possa avere lo stesso nome di una congregazione religiosa? E' come se Vendola fondasse un partito e lo chiamasse "Francescani" ....

E soprattutto, ma quante milizie ci stanno in giro? Troppe, a mio parere ...


Postilla sulla Militia Christi religiosa: Wikipedia dice che sono stati fondati per combattere gli albigesi (=sterminarli). E leggo pure sulla "Directory of International Associations of the Faithful, published by the Pontifical Council for the Laity" che hanno un "dipartimento della Verità", dove chissà di cosa si discute ...

5 commenti:

Armando ha detto...

Riccardo mi stai simpatico perchè hai avuto almeno il coraggio di rettificare, anche se parzialmente, quello che avevi scritto non per colpa tua. Dico parzialmente perchè le accuse gratuite mosse tra i commenti non sono certo degne di tutto ciò che poi dici, a meno che tu con libertà e democrazia non intendi anche il diritto di offendere, nel qual caso mi adeguo, anzi no.
Ti dedico quindi un pò di tempo, per il resto puoi scrivermi sul mio blog cliccando sul mio nome. Riguardo l'omonimia, non ho letto tutto il sito ma con decreto pontificale del 1981 questa associazione pia di devoti si chiama La Milice de Jesus Christ, La storia precedente vede un ordine cavalleresco con lo stesso nome del 1870 e infine si fa risalire la sua fondazione a S. Domenico, ma sempre però cavalleresca, quindi laicale. Ora Militia Christi non è un partito come erroneamente poni a confronto tu, ma un movimento politico, fondato da laici. Porta avanti la dottrina cattolica come insegnata nel nostro catechismo e cerca di evangelizzare l'ordine temporale, missione propria dei laici. Come movimento politico abbiamo dei punti fermi tra cui...a dopo

riccardos ha detto...

Le mie accuse nei confronti della MC.it non sono gratuite ma frutto del mio giudizio dopo aver letto quanto scritto sul vostro sito.

L'ordine fondato nel 1209 si fa chiamare sul proprio sito (quello di oggi ...) "Militia Christi".
Dal mio punto di vista è solo una curiosità, unita un po' alla perplessità che Christi ha troppe milizie, legionari, paladini.
Non ne faccio un punto "teologico" perché non è affatto di mia competenza, ma cultural-politico.

Non ho infine mai detto che la MC.it siano un partito ma un gruppo, ovvero un movimento politico.

Armando ha detto...

Ecco si hai portato un elemento quello del sionismo e della massoneria.
Da cui deduci cose sbagliate, infatti parlare di antisemitismo è fuorviante (ed è scritto una riga sotto a quanto tu hai riportato, se lo hai letto di persona), è vero che purtroppo grandi poteri politici avallano questo accostamento, ma ripugna alla ragione e sono usati come armi per evitare ogni dissenso.
Nel programma c'è anche la lotta gli attuali partiti, tutte cose che sono perfettamente conseguenziali. Io ti posso dire che queste sono le coordinate che ogni persona dovrebbe avere se ha in mente il bene della propria società, la propria indipendenza e libertà. Ora da uno che ha fondato il Pd in Francia è arduo da capire, però è una forma vera di dissenso di chi non si vuole rifugiare nei soliti scatoloni partitici tutti ugual e tutti ugualmente pronti a leccare i piedi alle grandi banche che scippano lo stato sociale. NOi volgiamo fare una politica realmente alternativa e sicuramente cattolica, perchè riteniamo che sia la sola ricetta (purtroppo inascoltata) che possa portarci oltre le secche di una crisi che è prima di tutto spirituale e culturale. Un saluto e buona domenica

riccardos ha detto...

I complottismi sono sempre una mistificazione, un voler cercare un "nemico" fuori invece di fare autocritica sui propri comportamenti, un voler distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica.

E il richiamo ai complotti "giudaico-massonici" è un richiamo ad una pagina della storia non troppo lontana della storia che è basata sull'antisemitismo e l'incubatrice della shoa, ovvero dell'accettazione culturale della società europea all'emarginazione prima e allo sterminio poi della popolazione di religione ebraica.

Le consiglio, per esempio, di leggere i diari di Etty Hillesum per una testimonianza di come funzionavano i processi di emarginazione.

Di dissenso ce n'è sempre bisogno, ma non di reazionari.

Anonimo ha detto...

Ma quale compolotto e' tutto alla luce del sole!!!
Comunuqe ogni scusa e' buona vedo se non e' il carattere gotico e' un'altra.